CONDIVIDI:

Le rivolte che hanno coinvolto gli stabilimenti indiani di Winstron – dove viene assemblata la variante 2020 di iPhone SE avvenute durante lo scorso weekend, sembrano aver causato meno danni quelli preventivati inizialmente. Ricordiamo che al centro delle rivolte ci sarebbe il mancato rispetto delle condizioni salariali da parte dell’azienda, la quale sembra non aver corrisposto lo stipendio ai dipendenti nella misura pattuita dai contratti di lavoro.

Secondo le prime stime la rivolta avrebbe causato 56 milioni di dollari di danni, tuttavia pare che questi calcoli siano stati sin troppo sovrastimati, dal momento che una seconda analisi svolta dall’azienda, riportata da Digitimes, ha ridimensionato il tutto stabilendo che le perdite reali ammontano tra i 7 e i 3,5 milioni di dollari.

Alla rivolta ha preso parte una grossa fetta degli oltre 2.000 dipendenti della struttura e anche Apple ha annunciato di aver avviato un’indagine volta a scoprire se Winstron abbia effettivamente violato le linee guida relative allo stipendio che avrebbe dovuto corrispondere ai lavoratori. La casa di Cupertino ha anche confermato di aver dato la massima disponibilità a collaborare con le autorità locali al fine di fare luce sulla vicenda.


Il meglior rapporto qualità/prezzo del 2020? Xiaomi Mi 10 Lite, in offerta oggi da Mobzilla a 249 euro oppure da ePrice a 292 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE