CONDIVIDI:

Social media: come provocano la sensibilità ed il benessere dei ragazzi Tecnoandroid

Le esperienze digitali tra gli adolescenti possono avere un impatto significativo sulla loro salute mentale e sul loro benessere, secondo un relatore alla conferenza annuale dell’American Psychiatric Nurses Association. Jamie Zelazny, PhD, RN, assistente professore presso l’Università di Pittsburgh School of Medicine, ha osservato che il suicidio è la seconda causa di morte tra le persone di età compresa tra 10 e 24 anni.

Inoltre, i tassi di suicidio sono triplicati tra i giovani dai 10 ai 14 anni, così come tra le ragazze, e i tassi di suicidio sono significativamente più alti tra i bambini afroamericani di età inferiore ai 13 anni.

L’aumento dei tassi di suicidio in questi gruppi demografici ha coinciso con l’aumento dei tassi di utilizzo dei social media.

“Uno studio pubblicato nel 2015 ha rilevato che la soglia per cui i bambini iniziano ad avere più problemi di salute mentale è il segno di 2 ore”, ha detto Zelazny durante la presentazione. “Gli adolescenti che hanno riferito di utilizzare i siti di social media per più di 2 ore al giorno erano molto più propensi a segnalare cattivi risultati di salute mentale come angoscia e idee suicide. Uno studio condotto l’anno successivo ha rilevato che l’uso problematico di Internet ha portato a scarsi risultati di salute mentale longitudinalmente, e questi sono stati mediati da un sonno scarso “.

Altri risultati dello studio hanno suggerito che l’uso dei social media tra gli adolescenti è collegato a una bassa autostima. Inoltre, il confronto sociale e il cyberbullismo sono stati associati a depressione, ansia e ideazione suicida tra gli adolescenti.

In uno studio pilota in corso che fa parte di un progetto più ampio per valutare il potenziale di un intervento di monitoraggio dei social media , Zelazny e colleghi hanno analizzato i dati di 15 adolescenti suicidi reclutati da un programma ambulatoriale intensivo presso il Western Psychiatric Hospital in Pennsylvania. I ragazzi hanno partecipato a tre focus group e compilato questionari in cui hanno fornito feedback sulle conseguenze positive e negative dell’uso dei social media.

I risultati hanno mostrato che il 67% dei partecipanti ha riferito di sentirsi peggio della propria vita a causa dei social media. Inoltre, il 73% si è sentito spinto a pubblicare contenuti che migliorassero il proprio aspetto per gli altri, il 60% si è sentito spinto a personalizzare i contenuti in base alla popolarità e ai Mi piace e l’80% ha riferito di essere influenzato dal dramma dei social media.

Tuttavia, il 73% ha riferito di sentirsi supportato sui social media attraverso sfide o momenti difficili, il 53% si è sentito più connesso ai sentimenti dei propri amici e il 93% si è sentito più connesso alla vita dei propri amici.

I rischi dei social media identificati tramite interviste qualitative includevano un uso pesante e problematico; interferenza con il sonno; cyber bullismo; esposizione ad autolesionismo / contenuto suicida / essere falso con se stessi; confronto sociale negativo verso l’alto; e appartenenza contrastata / bisogno insoddisfatto di connettersi agli altri.

I fattori protettivi identificati tramite interviste qualitative includevano il supporto e l’incoraggiamento dai social media; sentirsi in contatto con gli amici; impegno sociale o incoraggiamento a partecipare all’interazione sociale; ed espressione personale o capacità di parlare liberamente.

Zelazny ha notato i limiti dello studio, inclusa la sua piccola dimensione del campione e che consisteva in adolescenti gravemente malati che stavano ricevendo cure in un programma ambulatoriale intensivo.

“Dobbiamo davvero valutare regolarmente l’impatto dell’uso dei social media e, quando lo dico, non intendo dire che abbiamo bisogno di una valutazione speciale o di un questionario, ma di pensarci davvero quando valutiamo i sintomi che i bambini stanno presentando con “, riferisce Zelazny.

Social media: come provocano la sensibilità ed il benessere dei ragazzi Tecnoandroid