CONDIVIDI:

DVB-T2: addio Mediaset e Rai sulla TV se non si cambia subito Tecnoandroid

Il passaggio dal 2020 al 2021 non sarà un semplice passaggio temporale bensì qualcosa di molto più grande, infatti questa volta segnerà numerose svolte soprattutto dal punto di vista della tecnologia, infatti vedremo all’orizzonte l’arrivo di nuove tecnologie tra le quali risaltano i nomi soprattutto di 5G e DVB-T2.

Il DVB-T2 in particolare porterà con e una piccola rivoluzione dal punto di vista delle trasmissioni televisive, dal momento che ridurrà il gap con le altre nazioni europee che lo hanno introdotto già da anni e che godono di tutti i vantaggi ad esso legati.

Questa nuova tecnologia per il digitale terrestre infatti porta con se numerose novità, in particolare parliamo di un incremento considerevole delle prestazioni, sia dal punto di vista della qualità d’immagine in grado di trasmettere, la quale arriva a ben 8K 60Fps, sia per quanto concerne la ricezione, la quale non soffrirà più di interferenze come lo standard attuale.

Come prepararsi

Ovviamente la nuova tecnologia necessiterà anche di un intervento da parte dell’utenza per essere utilizzata in modo adeguato, entrando nel dettaglio, gli utenti potranno prendere due strade diverse a seconda che il loro televisore supporti già il DVB-T2 o meno, per verificarlo dovrete innanzitutto andare al canale 100 o 200 della lista canali, se visualizzerete la scritta “HEVCMainTest10” allora la vostra TV è già pronta e non dovrete far nulla.

Se invece visualizzerete uno schermo completamente nero potrete percorrere due strade diverse:

  • La prima consiste nel cambiare direttamente il televisore in favore di uno dotato dello standard più recente.
  • La seconda, decisamente meno onerosa, consiste nell’acquistare un decoder esterno da collegare al televisore in modo da consentire allo stesso di ricevere le immagini dallo standard DVB-T2.

DVB-T2: addio Mediaset e Rai sulla TV se non si cambia subito Tecnoandroid