CONDIVIDI:

NASA, ESA e SpaceX collaborano per studiare gli oceani e per monitorare il preoccupante innalzamento del livello del mare. Il satellite euro-statunitense Copernicus Sentinel-6 Michael Freilich (in onore dell’ex direttore NASA della Earth Science Division, venuto a mancare la scorsa estate) è stato mandato in orbita sabato scorso a bordo del razzo Falcon 9, decollato dallo Space Launch Complex 4E dalla Vandenberg Air Force Base della California. Il sistema di controllo delle acque prevede un secondo satellite – Sentinel 6B – che sarà mandato in orbita nei prossimi anni.

Sentinel-6 permetterà di ottenere dati più dettagliati, sinora raccolti da una serie di altri satelliti tra cui Copernicus Sentinel-3, Jason-3 e CryoSat. La nuova apparecchiatura ha raggiunto l’orbita terrestre in meno di un’ora e presto sarà pronta per effettuare le rilevazioni sfruttando le tecnologie di altimetria radar ad oggi più sofisticate.


CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE