CONDIVIDI:

Neurologia: imparare una lingua cambia il funzionamento del cervello Tecnoandroid

Secondo un nuovo studio, l’apprendimento di una nuova lingua da adulto cambia il modo in cui gli emisferi cerebrali contribuiscono all’elaborazione del linguaggio.

Gli emisferi destro e sinistro del cervello sono generalmente specializzati per svolgere compiti diversi. A lungo si è pensato che l’emisfero sinistro gestisse l’elaborazione del linguaggio, in particolare in regioni come l’area di Broca e l’area di Wernicke.

Ma anche l’emisfero destro gioca un ruolo. Ad esempio, le vittime di ictus con danni al loro emisfero sinistro sono state in grado di recuperare (parzialmente) le capacità linguistiche dopo che le regioni dell’emisfero destro si sono riorganizzate per compensare la lesione.

Quindi, l’emisfero sinistro è davvero programmato per il linguaggio? E in termini di apprendimento di una nuova lingua più avanti nella vita, quali ruoli giocano gli emisferi e come influisce la neuroplasticità?

Il nuovo studio, pubblicato su The Journal of Neuroscience, ha esplorato queste domande conducendo fMRI su gruppi di adulti mentre leggevano, ascoltavano e parlavano sia la loro lingua madre che una nuova lingua. Nelle prime fasi, i risultati della fMRI erano simili per le lingue native e nuove.

Con il progredire dell’apprendimento, tuttavia, i partecipanti hanno impiegato sempre più regioni dell’emisfero destro del cervello. Ma questo era vero solo per la comprensione della lettura nella nuova lingua e, in misura minore, per la comprensione del parlato. Parlare la nuova lingua è rimasto un compito dominante a sinistra (o lateralmente a sinistra).

La scoperta che la neuroplasticità per la produzione del linguaggio era limitata potrebbe aiutare a spiegare perché gli adulti hanno più difficoltà a parlare una nuova lingua, sebbene possano imparare a leggerne e comprenderne una. Suggerisce anche che l’emisfero sinistro del cervello sia cablato per la produzione del linguaggio.

La neuroplasticità diminuisce gradualmente con l’età e se sei un adulto che impara una nuova lingua potresti non diventare mai un parlante totalmente fluente. Tuttavia, imparare una nuova lingua più tardi nella vita è del tutto possibile. Oltre ad ampliare le tue possibilità di carriera e le opportunità di esplorare altre culture, gli studi suggeriscono che l’apprendimento di una seconda (o terza) lingua può aiutare:

  • Migliora la memoria
  • Declino cognitivo lento
  • Aumenta le probabilità di recupero dall’ictus

Neurologia: imparare una lingua cambia il funzionamento del cervello Tecnoandroid