CONDIVIDI:

Twitter ha più volte ammesso di aver solo potuto solo moderare, censurare o limitare le interazioni con diversi tweet di Donald Trump, Presidente uscente degli Stati Uniti, che grazie ai suoi poteri ha potuto comunque godere di un certo privilegio esecutivo rispetto ai “normali” frequentatori della piattaforma social che al suo posto sarebbero stati tranquillamente bannati.

Twitter ha cercato spesso di bilanciare la diffusione di disinformazione o affermazioni fuorvianti con etichette di avvertimento sotto i tweet oppure oscurando il testo che poteva comunque essere letto. Dopo il 3 novembre, al termine della campagna elettorale, la situazione si è un po’ calmata ma i moderatori hanno continuato a segnalare ancora diversi tweet di Trump.

Le cose, tuttavia, potrebbero presto cambiare. Il capo di Twitter Jack Dorsey, infatti, ha ribadito che – una volta lasciata presidenza – Trump non sarà più soggetto alla stessa modalità di “protezione” avuta fino ad oggi.


Il piccolo Samsung che piace a tutti? Samsung Galaxy A41, in offerta oggi da mediaworld.it a 139 euro oppure da eBay a 190 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE