CONDIVIDI:

La funzionalità di salvaguardia della batteria di macOS non può essere abilitata nei Mac con processori, o meglio SoC, proprietari Apple Silicon. Ora che le prime unità dei portatili di nuova generazione iniziano ad arrivare nelle mani di recensori, appassionati ed early adopter, emergono tutti quei dettagli secondari su cui Apple aveva glissato in fase di annuncio per ragioni di tempo.

Con l’arrivo di macOS Catalina 10.15.5, Apple aveva introdotto la capacità da parte dell’OS di ridurre la velocità di ricarica della batteria quando venivano rilevate temperature elevate, ritardando quindi il processo di invecchiamento chimico delle celle, il che si traduce in una riduzione della perdita di capacità nel tempo e, in ultimo, una maggior longevità del componente – che come sappiamo è quello più soggetto a degrado e sostituzione.

Nelle impostazioni relative alla batteria di macOS è stato finora possibile scegliere se tenere attiva o disattivare questa funzionalità, ma con Big Sur le cose sono un po’ diverse, visto che rimane opzionale solo per i Mac ancora equipaggiati con processori Intel – detta in altro modo, non nativi Big Sur. Se invece si possiede un MacBook con chip M1, come possiamo vedere qui di seguito, la spunta per disattivare l’ottimizzazione dell’autonomia non è pervenuta.


CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE