CONDIVIDI:

Una delle novità principali di iOS 14 (per scoprirle tutte c’è il nostro articolo dedicato), assieme all’introduzione dei widget, è la funzione Picture in Picture. E cioè quella che permette di ridurre un contenuto video in riproduzione ad una finestra flottante, che l’utente può spostare all’interno dello schermo, mentre interagisce con altre app.

E ovviamente, uno scenario d’uso tipico di questa nuova possibilità passa per YouTube (e infatti i test erano cominciati da tempo). La funzione Picture-in-Picture, però, è un’esclusiva degli utenti che hanno sottoscritto l’abbonamento a YouTube Premium. O meglio, sarebbe dovuto essere così, ma poi gli utenti che avevano installato la beta di iOS 14 hanno scovato un semplice trucco per aggirare questa limitazione e fruirne gratuitamente.

Per farlo, era sufficiente accedere al sito web di YouTube dal browser Safari, riprodurre un video e sfruttare da lì (e non dall’app, quindi) il Picture-in-Picture. Una possibilità che però, con l’arrivo della versione stabile di iOS 14, è scomparsa. O meglio: non è più utilizzabile, ma ne resta ancora una minima traccia, perché svolgendo la stessa procedura il video per un attimo finisce in una finestra flottante, salvo poi riprendere subito posto all’interno della scheda del browser. A vederlo sembra un bug, ma in realtà è piuttosto chiaro che potrebbe trattarsi di una limitazione volontaria imposta da Google.


Il top di Huawei al miglior prezzo? Huawei P30 Pro, in offerta oggi da Emarevolution a 472 euro oppure da Unieuro a 560 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE