Recensione Fujifilm X-T3: una APS-C molto ambiziosa

CONDIVIDI:

Recensione Fujifilm X-T3: una APS-C molto ambiziosa

Fujifilm X-T3 è una mirrorless APS-C che sulla carta si presenta molto bene, con ottime specifiche tecniche adatte alle esigenze di fotografi e videomaker. Si posiziona in una fascia di prezzo medio nel mercato mirrorless, con caratteristiche che però fanno invidia ai prodotti di fascia più alta. Nonostante a prima vista possa sembrare molto simile alla precedente X-T2 (annunciata nel 2016), Fuji X-T3 è coraggiosa con il nuovo sensore X-Trans IV da 26 Megapixel, l’AF con 425 punti di messa a fuoco su tutto il fotogramma, le raffiche di scatto fino a 11 fps con shutter meccanico o 30 fps con shutter elettronico (ma un crop di 1.25x) e in particolare nei video, con 4k fino a 60p e registrazione interna a 10 bit.

Non mancano ovviamente gli aspetti negativi: sulla Fuji X-T3 mancano ad esempio la stabilizzazione del sensore, la visualizzazione della durata della batteria e lo schermo non è regolabile per i vlog (e i selfie). Il giudizio di una camera resta comunque sempre soggettivo e personale, soprattutto nel lato pratico sul campo: l’hype dato dalle caratteristiche tecniche era talmente alto che mantenere tutte le promesse fatte sulla carta – e in particolar modo nel comparto video – non sarà facile.

DESIGN E MATERIALI

Ad un primo sguardo, Fuji X-T3 si presenta molto solida, con un’eccellente qualità costruttiva. Emerge subito l’adorabile design retrò che troviamo anche in Fuji X-T2 e X-T1 che rimane sostanzialmente invariato. Quando la si impugna vengono confermate le nostre certezze: è robusta e compatta.


L’unico vero Note.? Samsung Galaxy Note 9 è in offerta oggi su a 594 euro oppure da ePrice a 737 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

CONTINUA A LEGGERE

Potrebbero interessarti anche...