Luce sulla Luna, è tutta una questione di chiaroscuro

CONDIVIDI:

Luce sulla Luna, è tutta una questione di chiaroscuro

Vi siete mai chiesti come si vede sulla Luna? Forse la domanda più comune riguarda il “cosa”, ma anche il “come” non è affatto banale, considerando il fatto che sul nostro satellite naturale manca proprio ciò che consente alla luce del Sole di riflettere: l’atmosfera.

Si pensi infatti come sulla Terra i giochi di ombre e luci siano possibili grazie alla luce indiretta “generata” dai riflessi e dalla deviazione della luce da parte delle minuscole particelle presenti in aria. Questo, sulla Luna, non è possibile, rendendo potenzialmente pericolose le escursioni di futuri astronauti e anche dei robot che la NASA è (quasi) pronta ad inviare sulla sua superficie. Ciò che mancano sono infatti “le sfumature di grigio”, causando problematiche nella movimentazione di macchine e di persone e impedendo alle fotocamere di inviare sulla Terra immagini “leggibili”, essendo le strumentazioni impiegate prive della sensibilità necessaria per la visualizzazione di tutti i dettagli. In altri termini, sembra di vedere un quadro del periodo barocco incentrato sulla tecnica del “chiaroscuro”:

“Quello che si trova sulla Luna sono ombre nere e regioni molto luminose direttamente illuminate dal Sole”, spiega Uland Wong della NASA. “I pittori italiani lo chiamavano chiaroscuro nel periodo barocco. E’ molto difficile essere in grado di percepire tutto da un robot o anche da un essere umano che ha bisogno di analizzare queste immagini perché le camere non hanno la sensibilità sufficiente per vedere i dettagli necessari per studiare una roccia o un cratere”.


Meglio Moto G4 ma Plus nel 2016? Motorola Moto G4 Plus, compralo al miglior prezzo da Amazon a 217 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

CONTINUA A LEGGERE

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com