I cyber impiegati sono quasi realtà

CONDIVIDI:

I cyber impiegati sono quasi realtà

Un chip RFID grande quanto un chicco di riso impiantato nelle mani per rendere più sicure e rapide l’apertura delle porte dell’ufficio o l’accesso al computer. Lo scenario non è tratto da un film di fantascienza, ma è prossimo alla realizzazione ad opera di Three Square Market, una società specializzata nel settore dei distributori automatici.

A partire dal mese prossimo, la società darà il via ad un programma tramite il quale i dipendenti che volontariamente decideranno di accettare, verranno sottoposti al piccolo intervento per impiantare il piccolo chip sottocutaneo. Un volta fatto, i dipendenti potranno sbloccare le porte, acquistare prodotti tramite i distributori automatici, effettuare il login al computer e usare le fotocopiatrici semplicemente avvicinando la mano all’oggetto.

Allo stato attuale, la scelta se diventare un po’ più ”cibernetici” è affidata esclusivamente alla volontà del dipendente. Nel frattempo, non manca chi solleva le prime perplessità dal punto di vista della tutela della privacy. Di fatto, ad esempio, sarebbe possibile monitorare in maniera dettagliata gli spostamenti dell’impiegato in ufficio, sapendo esattamente quali porte sono state aperte.


Una scelta vincente sotto i 200€? Wiko Fever, compralo al miglior prezzo da Amazon a 158 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

CONTINUA A LEGGERE

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com