Il ransomware Android spione: o paghi o divulga dati personali

CONDIVIDI:

Il ransomware Android spione: o paghi o divulga dati personali

I ransomware continuano a catturare l’attenzione dei media e degli esperti di sicurezza, anche perché la fantasia dei loro creatori non sembra conoscere limiti. Lo schema tipico di funzionamento di questa tipologia di malware – basato sulla crittografia dei dati dell’utente e la conseguente richiesta di pagamento di una somma di denaro – può essere declinato in molteplici varianti. Una è ben rappresentata da LeakerLocker, ransomware Android che sostituisce la crittografia con la minaccia di comunicare i dati sensibili dell’utente ai suoi contatti.

Le informazioni comprendono la cronologia del browser, gli indirizzi email, altre informazioni sui contatti, messaggi di testo, e le foto scattate dalla fotocamera; tutte informazioni che, in caso di mancato pagamento dei 50 dollari richiesti, gli autori del malware minacciano di comunicare a parenti ed amici. Si tratta di una cifra ben lontana dalle pesanti richieste di pagamenti in Bitcoin che qualche utente che ha qualcosa da nascondere potrebbe essere disposto a pagare per mantenere segreta la frequentazione di determinati siti o determinate conversazioni.

Il veicolo di diffusione del ransomware è rappresentato da alcune applicazioni scaricate dal Play Store: nello specifico, McAfee, che ha identificato il virus, fa espressamente riferimento a Wallpapers Blur HD e a Booster & Cleaner Pro, che nel momento in cui scriviamo risultano fortunatamente rimosse ( QUI e QUI i link ora non più attivi). Il numero di download della prima era compreso tra 5,000 e 10,000 mentre quelli della seconda si collocavano nel range tra 1,000 e 5,000. In linea teorica, nella peggiore delle ipotesi, sono stati infettati complessivamente 15,000 dispositivi.


Il più piccolo top gamma 2016 che accontenta tutti? Samsung Galaxy S7, in offerta oggi da Infotel Italia a 395 euro oppure da Amazon a 447 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

CONTINUA A LEGGERE

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com