Greenpeace: i produttori di smartphone e portatili li fanno morire troppo presto

CONDIVIDI:

Greenpeace: i produttori di smartphone e portatili li fanno morire troppo presto

Se un prodotto non può essere facilmente riparato, semplicemente, si butta e se si tratta di tecnologia di consumo, contribuisce ad espandere il quantitativo di rifiuti tecnologici che creano evidenti problemi in termini di impatto ambientale. Partendo da questa premessa, Greenpeace in collaborazione con iFixit, ha stilato un dettagliato rapporto che si traduce in una sostanziale accusa lanciata ai produttori di dispositivi tecnologici, smartphone e portatili in primo luogo.

Immaginate un mondo in cui i vostri gadget elettronici potrebbero durare, o in cui i vostri dispositivi potrebbero essere facilmente riparati … Ma si tratta di un mondo puramente immaginario perché purtroppo il trend in crescita tra i principali marchi IT è rendere più difficile riparare e manutenere smartphone e altri dispositivi

Il rapporto prende in esame oltre 40 smartphone, tablet e computer portatili commercializzati negli ultimi due anni e il risultato non è molto incoraggiante. La linea d’accusa che si snoda in cinque punti:


Una scelta vincente sotto i 200€? Wiko Fever, compralo al miglior prezzo da Monclick a 154 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Se un prodotto non può essere facilmente riparato, semplicemente, si butta e se si tratta di tecnologia di consumo, contribuisce ad espandere il quantitativo di rifiuti tecnologici che creano…HDblog.it

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com