Una patata a guida autonoma

CONDIVIDI:

Una patata a guida autonoma

Qualche tempo fa ricordo che Eric Schmidt, forse quando era ancora CEO di Google, fece una battuta sul tempo retribuito che i suoi dipendenti potevano/possono impiegare nella realizzazione di qualsiasi progetto ispirasse loro: “sono ingegneri, hanno un concetto di divertimento ben diverso da quello di una persona normale”, disse. Ecco: la patata a guida autonoma è un esempio talmente perfetto di cosa volesse intendere che c’è quasi da piangere.

Chiunque abbia fatto la scuola dell’obbligo sa che una patata è in grado di generare una piccolissima carica elettrica. Ma solo un ingegnere poteva pensare di incanalarla in un condensatore, aggiungerci due motorini elettrici, quattro ruote e un chip per determinare in quale direzione muoversi.

Pontus, così si chiama la patata, non è una campionessa né di autonomia né di velocità: il condensatore ci impiega 15 minuti a caricarsi per muovere i motorini non più di una decina di centimetri per volta; poco più di 7 metri al giorno. Diciamo che una Tesla riesce a fare qualcosina di meglio. Ma provate voi a mangiare una Model S al forno… Alla faccia tua, Musk! Eccovi il capolavoro:


Due fotocamere sono meglio di una, meglio Plus? Huawei P9 Plus, compralo al miglior prezzo da Stockisti a 419 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

“sono ingegneri, hanno un concetto di divertimento ben diverso da quello di una persona normale” – Eric Schmidt.HDblog.it

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com