EA Play 2017: le nostre considerazioni sulla conferenza di Electronic Arts

CONDIVIDI:

L’E3 2017 è finalmente partito. Electronic Arts ha avuto l’onore, e comunque l’onere, di aprire le danze con una conferenza stampa dedicata alla propria line-up. Abbiamo assistito ai sessanta minuti di conferenza, più una mezzoretta di gameplay dedicato a Star Wars Battlefront II, con piacere, seppur la struttura dello spettacolo in sé ha messo alla luce alcuni passaggi negativi, almeno per quanto riguarda l’organizzazione stessa.

SPETTACOLO SOTTO TONO

La scaletta studiata da Electronic Arts non ha saputo colpire nel segno a causa di una serie di annunci poco coinvolgenti, quasi freddi. Ci saremmo aspettati una presentazione completamente diversa e soprattutto molto più rumorosa data la presenza di nuove IP e soprattutto di un titolo alla ricerca di riscossa, tale NBA Live 18. Poco convincente anche l’annuncio della modalità Long Shot di Madden NFL 18, sezione che si ispira a Il Viaggio di FIFA che avrebbe meritato di essere maggiormente approfondita. Ci saremmo aspettati anche qualche minuto di gameplay aggiuntivo di FIFA 18, di cui potete leggere il nostro provato seguendo questo link, ma siamo certi che arriveranno presti diversi filmati.

La verve. EA ha completamente dimenticato il fattore verve, in favore di uno show adatto a quella fetta di pubblico appartenente agli addetti ai lavori. Per tenere banco era semplicemente necessario raccontare meglio quanto proposto sul palco, con qualche momento epico, ospiti e soprattutto maggiori dettagli. Anche gli oltre trenta minuti di gameplay dedicati a Star Wars Battlefront II non hanno saputo colpire nel segno a causa di un commento e una regia non proprio curati.


L’iPhone più classico di sempre? Apple iPhone 6s, compralo al miglior prezzo da Stockisti a 449 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com