DARPA vuol realizzare i processori del futuro: a lavoro con Intel e Qualcomm

CONDIVIDI:

La miniaturizzazione dei processori è quasi costante da decenni, miliardi di transistors convivono ormai in pochi millimetri di spazio e le soluzioni realizzate con processo produttivo a 10nm sono già sul mercato (mobile). Ma lo spazio di manovra si sta esaurendo, lo sanno bene i chipmaker, che parlano già della prossima generazione da 7nm ma hanno al contempo confermato la necessità di una svolta nel settore. Non sarà infatti semplice andare oltre questo limite, per questo allo studio ci sono nuovi approcci, come quello appena svelato da DARPA.

Per la prima volta si vuole realizzare un processore completamente diverso, che non segue più le regole dell’architettura di von Neumann. Sul piatto DARPA ha messo fondi per $80 milioni, denaro che servirà a portare avanti lo sviluppo del HIVE (Hierarchical Identify Verify Exploit) insieme a partner di spessore come Intel, Qualcomm, Northrop Grumman, Georgia Tech e Pacific Northwest National Laboratory. Queste ultime due si concentreranno sullo sviluppo di strumenti software per il processore, definito come il primo GAP (graph analytic processor).

HIVE è un non-von Neumann perchè la concentrazione dei suoi dati e la sua abilità di operare simultaneamente con diversi processi in differenti aree della memoria – ha dichiarato Trung Tran, program manager alla DARPA


L’atipico che non delude in Italia? Meizu MX6, compralo al miglior prezzo da ePRICE a 263 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com